Iscriviti alla newsletter

Wine, Food & Travel

Cannabis Sauvignon: la California connection

By 24 Luglio 2019 Gennaio 27th, 2020 No Comments

Come il vino e la buona cucina sono nel DNA di noi italiani, la marijuana è, da sempre, “californiana”.

Prima di essere le zone più à la page per Cabernet e Merlot, Napa e Sonoma – ma anche  Washington State e l’Oregon, culla del Pinot Noir – erano… i premier cru della ganja.

Moltissimi grandi vigneti  hanno preso il posto di piantagioni confiscate. Innanzitutto a Sonoma. Da lì arriva un caso leggendario: il Cannabis Sauvignon, infuso di cab e maria, prodotto (solo per amici, not for sale, obviously) da una cantina top di Sonoma, per decenni. Questa cantina era una delle proprietà di una famiglia leggendaria. 

Questi eroi meriterebbero un blog a parte. Innanzitutto perché sono miei amici veri: sono stato l’unico, non di Sonoma, invitato a un loro addio al celibato dove si beveva solo tequila e l’ospite d’onore era Angelica Bella, nota attrice off di Broadway. 

Si affermano a est, negli anni del proibizionismo, per diventare poi grandi importatori di liquori: stesso background, e stessa zona di competenza, dei Kennedy. È dovuta a una “frizione” tra le due famiglie, narra infatti la leggenda, il loro spostamento a ovest. Ci starebbe un  gran prequel di “American tabloid”. Qualcuno può dirlo a James (Ellroy)?

I mixologist di cui sopra, arrivati nel West, hanno convertito – quasi – tutta la splendida tenuta in vigneti.  Ma un acro di maria, come memoria storica, l’hanno tenuto… et voilà, il Cannabis Sauvignon!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi